Altri Mondi

C’è magia e magia: alla scoperta della magia bianca e della magia nera

19-04-2024
Gli oroscopi di
La magia è nata con l’uomo, ed è parte integrante della nostra cultura. Scopriamo insieme in cosa consiste e quali differenze esistono tra la magia bianca e la magia nera

Le origini della magia

La magia è stata praticata da tutte le società e da tutte le razze, dalla preistoria fino a oggi, da popoli di cultura tradizionale e da civiltà di grande progresso tecnologico, anche se a volte è stata perseguitata per ragioni religiose o per via di un razionalismo pseudoscientifico. Da parte dell’uomo vi è sempre stato un atteggiamento ambiguo nei confronti di fenomeni sconosciuti, di ciò che non è misurabile, catalogabile con gli strumenti a disposizione delle scienze esatte.

Alla base del concetto di magia naturale vi è la constatazione innegabile che in natura esistono gli opposti (luce/buio, giorno/notte, estate/inverno), in costante rapporto di attrazione e repulsione: si tratta di elementi che tendono ad avvicinarsi per poi respingersi in un’eterna dialettica. Così è per la magia, dove quella bianca si contrappone a quella nera.

Magia bianca, la natura per il bene di tutti

La magia bianca parte dal presupposto di operare in modo benefico utilizzando le forze della natura, magari determinando uno spostamento di energia da un punto a un altro, agendo nella precisa convinzione di produrre risultati positivi, siano essi legati alla salute, ai benefici economici, all’amore (magia rossa), al benessere generale inteso anche come liberazione dagli influssi negativi (denominati fatture).

L’azione magica si esplica attraverso una scelta precisa di giorni, fasi lunari, ore planetarie, insieme all’utilizzo di erbe, pietre, frutti, fiori, conchiglie e candele. Vengono eseguiti rituali precisi, pronunciate frasi e parole specifiche, dalla cui intensità, potenza e concentrazione dipende spesso la buona riuscita dell’incantesimo.

Nella pratica magica è di importanza fondamentale la visualizzazione: vedere cioè con la mente il buon esito di quanto desideriamo ottenere

Non è necessario acquistare chissà quali strumenti, a volte bastano olio, sale, foglie o tutto quello che possiamo trovare in natura: quello che conta è la buona intenzione.

Magia nera, il volto oscuro dell'elemento magico

Ecco che bisogna operare una distinzione fra la magia bianca considerata benefica, che la persona esercita per approfittare delle forze psichiche che possiede a beneficio proprio e degli altri, e la magia nera, che comprende l'insieme di rituali, formule e incantesimi che si compiono per sottomettere le forze occulte e malefiche e provocare danni al prossimo, per vendetta o per il semplice gusto di fare del male.

La magia nera è deleteria, in quanto essa si richiama in modo diretto o indiretto a poteri diabolici. In genere è finalizzata verso scopi malefici come il procurare malattie, disgrazie e morte o a influenzare il corso degli eventi, specie per acquisire vantaggi personali come onori, ricchezze o altro.

La magia nera è una vera e propria espressione in antitesi con la religione cattolica, ed è indirizzata a far diventare i propri adepti “servi di Satana”.

Rientrano nella magia nera tutti quei riti esoterici, a sfondo satanico, che hanno il loro apice nelle cosiddette messe nere

È tradizionalmente ritenuta essere la capacità di un mago di utilizzare e controllare a proprio vantaggio un potere nefasto, maligno, o comunque di origine soprannaturale. Più precisamente, chi fa della magia nera cerca di sottomettere le entità del cosmo al proprio volere (sovvertendone le leggi).

Leggi gli oroscopi di

Seguici su
Riproduzione riservata